« < >

arte incantata

il racconto fotografico in atlante infinito
flâneuse

"Ai giorni d’oggi abbiamo bisogno che i nostri sguardi siano riempiti di sogno e felicità. Per tutta la vita sono andato a caccia di sogni in giro per il mondo e poi ho composto il mio qui, come un profumo..."
Jean-Paul Favand


L'eclettica carriera del visionario Jean Paul Favand: Tribulum e il Museo per eccellenza dell’antiquariato.
Da giovane, Jean Paul Favand aveva due passioni, la recitazione e l'antiquariato. Faceva parte di una compagnia teatrale ed era sempre alla ricerca di oggetti d'arte. Negli anni '70 crea il Tribulum, un negozio di antiquariato dove si possono trovare cose particolari, curiosità, art brut, arte popolare e soprattutto oggetti della tradizione fieristica. A quei tempi, questi oggetti significativi non avevano ancora ottenuto il riconoscimento che oggi hanno e Jean Paul Favand ha saputo anticiparne il valore, si è presto reso conto dell'impatto che questi oggetti avrebbero potuto avere se messi in scena ed esposti con cura. Qualche anno dopo, a 30 anni, immagina il concept innovativo di un centro antico nel cuore di Parigi organizzando le sue prime mostre incentrate su giocattoli, tesori perduti, arte incantata dei luna park. Allo stesso tempo, organizza numerose mostre e progetti su larga scala all'estero, Europa, Giappone, Medio Oriente. A Parigi, il suo talento per la progettazione espositiva e la conservazione del patrimonio lo ha portato a ricreare un luna park monumentale per l'apertura del Forum des Halles, un nuovo centro commerciale. Di conseguenza, nel 1980, Jean Paul Favand ha ricevuto la medaglia Patrimonio dell'anno per il suo lavoro nella conservazione e messa in scena di manufatti da fiera. Negli anni '80 il negozio di antiquariato Tribulum diventa un bistrot/galleria d'arte nel centro di Parigi a Les Halles, uno dei primi bar a tema di Parigi, “… nel mio negozio di antiquariato la gente serpeggiava, essendo più interessata a guardare che a comprare. Questo mi ha dato l'idea di creare un bistrot dall'atmosfera conviviale dove si potessero vedere i miei oggetti. Invece di pagare un biglietto d'ingresso, i visitatori pagherebbero cibo e bevande”. Utilizzando gli oggetti della sua collezione, Jean Paul Favand ha progettato un nuovo allestimento ogni sei mesi e organizzato esposizioni artistiche continue… “questi oggetti mi hanno seguito per tutta una carriera dove li ho presentati o esposti nel bistrot "Le Tribulum" di cui cambiavo l'arredamento ogni 6 mesi, un luogo dove passavano 1.500 persone al giorno, era una specie di show room con pianisti, gente delle arti di strada che si incontravano a casa mia. Quando Aragon è morto, in suo omaggio, Léo Ferret è venuto a cantare le canzoni di Aragon al mio posto: volevo fare di questo luogo, un luogo dove le persone che creano si incontrano e lì è stata un'apoteosi per me.” La quantità e le dimensioni di questi oggetti accumulati - comprese le giostre complete - lo hanno portato a cercare un luogo appropriato per ospitare questi tesori. Dopo essersi trasferito dal suo laboratorio parigino, ha stabilito la sua collezione in un magazzino in un ex stabilimento industriale a Gentilly (1988-1993) dove ha creato il primo Musée des Arts Forains. La sua collezione è poi tornata a Parigi, rue de l'Eglise nel 15° arrondissement (1993-1996) prima di stabilirsi definitivamente nelle cantine Lheureux, Bercy nel 1996. L'attuale Musée des Arts Forains è formato da una combinazione di tutte queste esperienze. A Bercy, Jean Paul Favand è diventato il direttore di circo di un nuovo modello economico: un museo autofinanziato, in grado di preservare il suo patrimonio e anche di finanziare nuove produzioni artistiche. Questo meraviglioso Museo delle giostre è costruito dentro ai Padiglioni di Bercy, le antiche cantine costruite da un allievo di Gustave Eiffel, in cui si conservava il vino. Lo spazio si divide in varie stanze, dal Teatro del Meraviglioso, ispirato ai racconti, ai miti e alle leggende, con una stupenda mongolfiera dai mille colori con il suo elefante volante di legno. Alle pareti giochi di luci e suoni fanno muovere e trasformare quadri e statue, a seguire i primi giochi: la corsa dei cavalli di legno, l’isola del tesoro, barchette dondolo, pianoforti automatici, un’epoca scorre come in una pellicola. Una stanza accoglie una vera e propria fiera della Belle époque con una giostra di legno, varie attrazioni d’epoca e la giostra dei velocipedi dove si può vivere uno dei girotondi più divertenti. Ci sono inoltre i Saloni veneziani, una ricostruzione di un palazzo veneziano del XVIII secolo, con tanto di ponte dei sospiri e giostra con le gondole. A questi tre spazi si aggiunge il Magic Mirror, un’autentica sala da ballo itinerante degli anni venti che veniva smontata e rimontata nei vari paesi in campagna. Ne restano solo sei in tutto il mondo, una sala circolare, tutta di legno e specchi la stessa che si ritrova in alcune fotografie di Robert Doisneau.
A Bercy un uomo in piedi su una canoa sta per arpionare un pesce. Inciampa, cade in acqua e la sua barca affonda nella palude. Nel 1991, gli operai edili di Bercy hanno scoperto antiche piroghe e un arco risalente a 6.500 anni fa, questi manufatti sono tra i più antichi mai trovati nell'area parigina e sono ora conservati all'interno delle collezioni del Musée Carnavalet. Successivamente, al tempo dei Galli e dei Romani, la zona era ancora paludosa e per lo più disabitata. Secondo la leggenda, l'origine del nome "Bercy" deriva da un'isola situata su un estuario della Senna chiamata Belsinaca dove le tribù celtiche stabilirono alcune capanne. In seguito, abbandonarono la loro isola per sfuggire ai Normanni e fece tappa presso i parigini. Nel XII secolo il nome della zona di Bercy – allora scritto come Percy – viene citato ufficialmente come Insula Berciliis in un atto di donazione di Luigi VI ai monaci dell'Abbazia di Montmartre. Nel 1172 viene nominata una nuova signoria: il granaio di Bercix. Tuttavia l'ortografia finale non viene stabilita fino al 1415 quando l'area viene denominata Seigneurie de Bercy, un dominio appartenente alla famiglia Montmorency. Questo feudo ospitò successivamente fortificazioni e alloggi di svago per la nobiltà fino alla costruzione di un magnifico castello nel XVII secolo. Il castello era di proprietà di Charles Henry de Malon, Lord di Bercy e pronipote di Colbert. Sebbene oggi non rimanga nulla dell'edificio, è stato descritto come uno splendido palazzo progettato da Le Vau, con giardini terrazzati sulle rive della Senna disegnati da Le Nôtre; quasi magnifico come Versailles. Il destino di Bercy subì una svolta nel 1704, quando Luigi XIV venne a partecipare a una messa a Notre Dame de Bercy. Mentre la cerimonia si svolgeva, il re improvvisamente notò qualcuno in piedi tra la folla inginocchiata. Questo è stato un crimine di alto tradimento. L'uomo in piedi fu immediatamente portato dal re per sottoporlo al suo giudizio... finché tutti si resero conto che l'uomo era estremamente alto, ed era, infatti, inginocchiato per tutto il tempo. Dopo la messa, il gigante – conosciuto secondo la leggenda come Martin, viticoltore della Borgogna – approfittò di questa singolare occasione per incontrare il Re Sole e lamentarsi delle tasse che gli impedivano di vendere il suo vino. Divertito dall'intera situazione, il re liberò Bercy dalla tassa principale, la sovvenzione, per consentire all'attività vinicola di Martin di prosperare: nacque così la prima cantina di Bercy. Perfettamente situato lungo la Senna - una delle principali vie di trasporto dalla Borgogna - Bercy divenne il quartiere più ambito dai commercianti di vino, il più grande mercato del vino al mondo. Dopo la Rivoluzione, il numero delle cantine aumentò e il quartiere fu riorganizzato da Violet le Duc nel 1878 per diventare gli “Entrepôts de Bercy”. I parigini erano assidui frequentatori del quartiere, dove il vino era esentasse e fiorivano numerosi bar e “guinguettes”. Con tutti questi festeggiamenti, Bercy è diventata famosa per la sua atmosfera calda e vivace. Commercianti di vino, clienti, operai e artisti come Daumier incontravano i canottieri. Ragazzi e ragazze si mescolavano a Bercy per remare lungo la Senna vestiti da finti marinai, indossando un cappello di paglia detto “le canotier”, uno dei simboli più famosi della vita parigina. I ricordi di Joyeux-Bercy sono sopravvissuti attraverso il lavoro di artisti ispirati dal quartiere e dai suoi abitanti. Le caricature di Daumier, le fotografie di Eugène Atget e il film Sous le Ciel de Paris di Julien Duviver del 1951 hanno tutti contribuito a catturare l'immagine e l'essenza di Bercy. Al giorno d'oggi, è difficile immaginare Bercy come una comunità racchiusa tra mura, dove il traffico è limitato ai commercianti di vino e ai loro clienti, immersi nell'odore del vino, delle botti di legno e dello zolfo...Bercy è unica in quanto è sopravvissuta a molte catastrofi, incendi e inondazioni. Nel 1910 la Senna straripò e per un po' Bercy divenne un lago con botti di vino che galleggiavano sugli alberi e sui tetti. Dopo il 1960, poiché i viticoltori iniziarono ad imbottigliare e vendere la loro produzione in proprio, i commercianti iniziarono ad abbandonare il distretto. Bercy fu progressivamente abbandonata ed emarginata, dando una cattiva reputazione. Nel 1979 fu confermata la costruzione di una nuova sede sportiva e per concerti, la Bercy Arena, che diede il via alla riorganizzazione della parte orientale di Parigi. La maggior parte delle cantine è stata demolita, ma è stato conservato il Pavillons de Bercy, uno dei magazzini più longevi. Il nuovo quartiere di Bercy è ora organizzato attorno a uno dei più grandi parchi cittadini creati a Parigi dai tempi di Haussmann. Il giardino romantico di 14 ettari ricorda tutto l'affascinante aspetto della Bercy del XIX secolo. Al giorno d'oggi, questo quartiere un tempo decadente è diventato un centro culturale ed economico nella parte orientale di Parigi con la linea 14 della metropolitana, il villaggio di Bercy e i suoi cinema, ristoranti e negozi. Inguaribili nostalgiche, sentiamo che l’aria che si respira non ha quella poesia di allora, il profumo del vino non è lo stesso, i sogni se pur sempre gli stessi di sognatrici e sognatori, riflettono in un calice malinconico...
Gli ex magazzini di Lheureux, oggi ribattezzati “Pavillons de Bercy”, ci permettono di immaginare com'era il commercio del vino nel 1896 con mercanti, operai, botti di vino, chiacchiere rumorose e l'andirivieni delle carrozze. Gli edifici, che sono stati riportati allo stato originario, sono un perfetto esempio di architettura industriale del XIX secolo con muri in pietra, aperture ad arco in mattoni e travi in ferro progettati da Louis Ernest Lheureux, contemporaneo di Gustave Eiffel. Oggi il Pavillons de Bercy è composto da 6 edifici che coprono un totale di 8200 mq su una proprietà di 1,5 ettari. Comprende 2 strade private con 12.823 pietre acciottolate, una piazza in marmo e 17 platani centenari. Dal 1986 gli ex magazzini di Lheureux sono inseriti nell'"inventario supplementare dei monumenti storici" francesi. I Pavillons de Bercy - che comprendono il Musée des Arts Forains, il Théâtre du Merveilleux, i Salons Vénitiens e il Magic Mirror - stanno contribuendo a ravvivare l'atmosfera festosa di Bercy ospitando un divertente museo dedicato alle tradizioni delle fiere e delle arti dello spettacolo in tutta Europa. La mostra è stata attentamente curata e organizzata da Jean Paul Favand con la collaborazione dell'exhibition designer Pierre Catel (per gli edifici e gli oggetti), l'architetto Jean-Michel Wilmotte e l'artista musicale e plastico Jacques Rémus. Situato nel cuore del Les Pavillons de Bercy, uno spazio di 2 mila metri quadri ospita una collezione qualitativamente unica sulle giostre da fiera e sagre che hanno animato la vita dei paesi a cavallo fra l’Ottocento e il Novecento. Jean Paul Favand è stato un precursore sui tempi, comprende il valore e il potenziale di giostre e giocattoli d’epoca e, così, dopo aver allestito negli anni Settanta un negozio a tema in Les Halles e, nei decenni successivi, aver fatto conoscere al mondo i suoi tesori con spettacoli e mostre, decide di aprire un museo. Dopo il rifiuto di partenariato da parte dello Stato, dalla sua collezione, considerata una delle più importanti del settore, nasce nel 1996 questo bellissimo museo privato, un piccolo gioiello da scoprire. Le giostre sono veri e propri capolavori di intarsio e ingegneria che in questo luogo si possono vedere, toccare e anche provare. Frutto dell’arte e del talento dei migliori artigiani francesi dei secoli scorsi, sono stati realizzati con massima attenzione ai dettagli e perizia esecutiva; dal punto di vista strutturale compendiano in sé sia la necessità di essere facilmente smontabili e trasportabili che la robustezza per permetterne l’ottimale funzionamento. Oggi sono continuamente oggetto di restauri da parte di esperti e professionisti che lavorano per mantenerne il pregio e lo stile inalterati dall’inesorabile usura del tempo. Le giostre sono naturalmente l’attrattiva più famosa e imponente, ma il Musée des Arts Forains non è solo questo. Infatti, qui potremo trovare balocchi d’epoca come biliardi e biciclette; opere indipendenti, mostre temporanee e anche numerosi eventi tra cui il Festival du Merveilleux, un evento con spettacoli di magia, esibizioni di acrobati, saltimbanchi e mimi. Al di là del valore degli oggetti, Jean Paul Favand ha studiato l’esposizione nei minimi dettagli: dall’illuminazione alle musiche, passando per la disposizione delle giostre e degli altri giocattoli, nulla è lasciato al caso e il risultato è sotto i nostri occhi. Il museo è uno spazio unico, una meta imperdibile, un viaggio fuori dal tempo.
I padiglioni sono collegati ancora oggi da una strada selciata cinta da castagni e platani secolari che avevano la funzione di climatizzatore naturale, allo scopo di mantenere il vino a temperature fresche. Passeggiando tra i platani si raggiunge l’ingresso del museo. Nel XIX secolo, le fiere divennero popolari in Francia, Regno Unito, Germania e Belgio non solo come luoghi per divertirsi e sognare, ma anche per scoprire le innovazioni e le tecnologie più recenti, come i primi prodotti del cinema. Durante la Belle Epoque, tra gli anni 1880 e 1920, furono costruiti eleganti Carrousel-Salons, strutture mobili coperte che ospitavano un organo, una sala da ballo, giostre e bar. Il museo si ispira direttamente a questi sorprendenti edifici itineranti e le due statue poste all’ingresso erano un tempo esposte proprio in un Carrousel-Salon. Le note dell’organo a barile, realizzato dalla famiglia Hooghuys di Gramont, in Belgio, potevano essere sentite a tre chilometri di distanza. I cavalli della giostra in legno, costruita intorno al 1900, furono realizzati dallo scultore tedesco Hubner e dal francese Bayol. Solo nobili o soldati potevano permettersi di possedere un cavallo all’epoca e le giostre erano a volte l’unica possibilità di cavalcarne uno. I cavalli di una giostra guardano sempre verso l’esterno, per attirare l’attenzione del pubblico, e i cavalli di fattura europea guardano a destra mentre ruotano in senso antiorario. È facile, dunque, individuare un cavallo realizzato in Gran Bretagna, perché la sua testa sarà rivolta verso sinistra. La Course des garçons de café fu costruita sul tema della corsa dei camerieri, un classico britannico. Questa gara si svolgeva a Parigi all’inizio del XX secolo, e ancora oggi, ogni anno a Montmartre i migliori camerieri corrono otto chilometri maneggiando un vassoio senza rovesciarne il contenuto. La giostra delle biciclette vanta un’apparizione nel film di Woody Allen Midnight in Paris del 2011. Dopo il 1861, anno in cui il primo sistema di pedali fu creato da Ernest Michaux, non esistevano molte biciclette e la gente voleva sperimentarne la velocità; questa giostra può raggiungere i 65 km/h, più di un cavallo al galoppo! Nonostante sia stata costruita nel 1897, in Belgio le biciclette si muovono in senso orario, perché le giostre come questa sono un’invenzione britannica. Con la sala Le Theâtre du Merveilleux Favand creò invece un palazzo dell’illusione con un elefante volante e miniature di sapore esotico. La sala da ballo è circondata da unicorni e silhouette di cera, figure di spicco del XIX secolo appartenenti alla collezione del Musée Grevin. Lo scrittore Victor Hugo e l’inventore Thomas Edison indossano i costumi del famoso cabaret Folies Bergère. L’organo Mortier del 1932, decorato in stile Art Déco, contiene l’equivalente di 12 musicisti. Oggi gli oggetti si esibiscono, simili ad attori, sul suggestivo set creato da Favand. La collezione è considerata una delle più estese della sua categoria e alla fine di marzo 2021 Francia e Belgio hanno presentato una domanda per far iscrivere la cultura e l’arte delle giostre nella Lista del patrimonio culturale immateriale dell’Unesco.

Era una domenica di novembre, lasciammo Cafè Le Nemours per veder la gente ballare in piazza Colettê, swing e allegria ai piedi della Comédie-Française… basta cosi poco per sentirsi leggeri. Raggiungemmo dopo un po' il Giardino di Palais Royal, prima fummo distratte dalle vetrine di Les Drapeaux de France, un negozio fondato nel 1949. Entrammo incuriosite da figure in miniatura del circo e soldatini di stagno… sbirciammo sulle note di una musica classica, lasciai la mia macchina fotografica al collo, Felisia teneva il suo taccuino che fuoriusciva dalla tasca della giacca, ci voltammo e incrociammo due occhi luminosi, un uomo seduto ad un alto tavolo di legno, con in mano una piccola scultura. Era un uomo dai capelli lunghi e la barba bianca folta. Ci guardò il tempo di un sorriso. Solo in seguito scoprimmo di aver incontrato Jean-Paul Favand ancora ad inseguire sogni…
arte incantata
10 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
11 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
12 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
13 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
14 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
15 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
16 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
17 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
18 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
19 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
20 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
21 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
22 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
23 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
24 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
25 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
26 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
27 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
28 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
29 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
30 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
31 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
32 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
33 / 34 enlarge slideshow
arte incantata
34 / 34 enlarge slideshow
ITA - Informativa sui cookies • Questo sito internet utilizza la tecnologia dei cookies. Cliccando su 'Personalizza/Customize' accedi alla personalizzazione e alla informativa completa sul nostro utilizzo dei cookies. Cliccando su 'Rifiuta/Reject' acconsenti al solo utilizzo dei cookies tecnici. Cliccando su 'Accetta/Accept' acconsenti all'utilizzo dei cookies sia tecnici che di profilazione (se presenti).

ENG - Cookies policy • This website uses cookies technology. By clicking on 'Personalizza/Customize' you access the personalization and complete information on our use of cookies. By clicking on 'Rifiuta/Reject' you only consent to the use of technical cookies. By clicking on 'Accetta/Accept' you consent to the use of both technical cookies and profiling (if any).

Personalizza / Customize Rifiuta / Reject Accetta / Accept
Link
https://www.nondovrebbefiniremai.it/arte_incantata-r15687

Share link on
Chiudi / Close
loading